Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer” Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Visita alla cava ipoegea di Tarcetta

sabato 26 Novembre 2022 h. 08.00 - 12.30

Dettagli

Inizio

26 Novembre 2022Ore 08.00

Fine

26 Novembre 2022Ore 12.30

Ritrovo

Ore 8.00 a Gorizia oppure ore 9.00 a Ponteacco

Apri in Google Maps

Info & contatti

Organizza

Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer”, Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Introduzione

Il Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer” invita quanti amano le passeggiate all’aria aperta e l’avventura, ad unirsi a noi per una interessante visita alla cava ipogea più grande delle Valli del Natisone. Si tratta di una cava di marna dismessa, la cui attività estrattiva ebbe inizio a cavallo del 1800 ed il 1900.

LA STORIA
Nel territorio conosciuto come Valli del Natisone ci sono frequenti e vasti affioramenti di marna. Questa roccia veniva estratta in galleria e poi trasportata al cemintificio di Cividale. L’attività estrattiva ebbe inizio a cavallo tra il 1800 ed il 1900. Solo dopo la fine del primo conflitto mondiale l’attività venne potenziata con la costruzione di infrstrutture quali teleferiche per il trasporto a valle del materiale e tramogge per il loro carico sui mezzi di trasporto. Le cave in attività erano quattro, poste a limitata distanza le une dalle altre, erano tutte situate sulle colline che sovrastano ripidi pendii il versante destro del fiume Natisone. La cava di maggiori dimensioni si trova poco distante dall’abitato di Cras. Essa viene abitualmente identificata come cava di Tarcetta, paese che ha sempre avuto importanza storica e amministrativa superiore a Cras. La Seconda Guerra Mondiale portò ad un fermo di tutte le attività, che ripresero a pieno regime nel 1946 terminandno definitivamente verso il 1960, quando si ritenne più conveniente estrarre la materia prima dalla Cava a cielo aperto di Vernasso.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA
Ore 8.00 – Ritrovo e partenza davanti alla sede sociale del Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer”, va Ascoli, 7 a Gorizia.
Ore 9.00 – Ritrovo al parcheggio di Ponteacco (UD) con la guida Fabrizio Bosco del Gruppo Speleologico Valli del Natisone.
Ore 9.30 – Inizio visita.
Ore 12.00 – Conclusione dell’escursione e ritorno al parcheggio.
Ore 12.30 – Pranzo presso un locale caratteristico (solo per chi lo desidera).

IL PERCORSO
Dal parcheggio, a lato della strada in prossimità di Ponteacco, si raggiunge a piedi lungo la strada asfaltata il sentiero che porta all’ingresso della cava.
Il percorso prevede di seguire per circa 200 metri la traccia di un corso d’acqua sempre asciutto sino ad incontrare una galleria artificiale con volta ad arco in cemento armato che serviva a far defluire l’acqua dalla cava. Questa costruzione lunga poco più di 15 metri è alta al centro 1,2 metri per cui si deve procedere carponi.
Poi si esce nuovamente nel bosco e si prosegue inizialmente in salita sino a raggiungere l’ingresso principale. Questo tratto è lungo circa 400 metri.

ATTENZIONE: è tassativo l’uso del casco con luce (chi ne è sprovvisto può richiederlo, il C.R.C. “C. Seppenhofer” che li metterà a disposizione), è consigliabile una tuta da lavoro o vestiario adeguato. Si raccomanda soprattutto scarpe adatte ai sentieri di montagna (Pedule, stivali o calzature comunque adatte, con suola in gomma)

Referente dell’escursione: sig. Maurizio Tavagnutti (Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer”)
Guida responsabile dell’escursione: sig. Fabrizio Bosco (Gruppo Speleologico Valli del Natisone)

Per l’iscrizione all’iniziativa comunica la tua partecipazione al numero: cell 329 7468095
oppure invia una mail al seguente indirizzo: seppenhofer@libero.it

Costi

Contattare l'organizzatore