Le 44 chiesette votive delle Valli del Natisone sono definite in letteratura come “Le sentinelle delle Valli” di “vedetta sulle principali cime”, “inaccessibili”, avvolte da una dura solitudine, non cercata, non voluta, quasi testimoni di un luogo di una storia che non serve più, ambienti luoghi ormai a noi indifferenti.

Sorsero nel Sec XIII e XIV e presentavano una costruzione primitiva di tipologia romanica con presbiteri semicircolari. Dopo il terremoto del 1348 che richiese una ricostruzione delle Chiesette, qui nelle valli si affermò lo stile proveniente dalle vicina Slovenia e conosciuto come il “Gotico Fiorito” di cui uno dei principali artefici di questa scuola fu Peter Parler (Praga 1330 architetto tedesco noto per la costruzione della Cattedrale di San Vito e del Ponte Carlo a Praga).

Il modello praghese penetrò attraverso la Stiria per giungere nella Slovenia centrale e specificatamente a Škofja Loka dove vi fu un proprio centro di diffusione della tecnica praghese di cui il più conosciuto dei maestri murari fu Andrea da Skofia Loka che operò nelle Valli del Natisone negli anni tra il 1470 e il 1475. In alcune Chiesette si possono ancora ammirare affreschi del Sec XVI di Scuola Slovena di Jernei da Skofia Loka e altari lignei dorati sempre Scuola Slovena del Sec XVI detti Slati Oltar di Jernei Vrtav e Luka Šarf e precisamente della scuola di Caporetto.

 

Ti interessa percorrere questi sentieri?
Contattaci per organizzare una visita guidata o semplicemente per ricevere qualche informazione in più.

Esplora

Approfondimenti ed itinerari

Il cammino delle 44 chiesette votive

scopri il progetto